Diventa un mio compagno di Blog!!

Translate

Cerca nel blog

sabato 12 agosto 2017

La coppetta mestruale; pratica, economica ed ecologica.

Ho inserito la pubblicità di "Lybera" anche se ho, in realtà, acquistato un'altra marca... il motivo? ho trovato utili le informazioni del video per capire bene la corretta posizione per evitare perdite.

Tutto è iniziato quando ho trovato su internet informazioni, vagabondando nel web ho poi scoperto che esiste anche la spugnetta di mare e i salvaslip o gli assorbenti lavabili, cosa mi ha spinto ad acquistarla? ve lo spiego con due domande;
"Quanto spendete in assorbenti?"
"Avete mai fatto il calcolo del prezzo annuale dei vostri rifiuti insanguinati?"

Personalmente spendo circa 500€ in 10 anni, una media di 50€ l'anno. 
Non moltissimi... direte voi, c'è chi ne spende molti di più.
Oltre a questo tipo di calcolo vediamo quanto sono riuscita a far respirare il pianeta togliendo dei rifiuti certamente presenti nei futuri cassonetti...
Calcolando una media di 16 Pacchetti di assorbenti in 12 mesi e, supponendo che ogni pacchetto contiene 24 assorbenti (16x24=384) sono arrivata alla conclusione che, solitamente, inquino di 3840 assorbenti decennali il pianeta.
Assorbenti di cui non conosco "come" e "quanto tempo" impiegano a decomporsi.
Questi sono i motivi che mi hanno spinto all'acquisto, ho trovato pagine descritte in modo dettagliato tramite l'utilizzo di schemi figurati, molto utili per risolvere i dubbi a cui può andare incontro una nuova utilizzatrice del prodotto. Dopo essermi documentata sulla tipologia di coppetta idonea alla personale anatomia sono passata ad analizzare il materiale, ne ho così scelto una in silicone medicale ecologico al costo di 19.90€ ... una bella differenza considerando quanto letto: "una coppetta gestita bene può durare fino a 10 anni".!!!
Ordinata on line (in commercio se ne trovano veramente poche) eccomi ad attendere la mia coppetta.. che dite? riuscirò a non usare più assorbenti? oppure rischierò di dimenticarla in giro o di farla cadere miseramente in un WC pubblico?
Fortunatamente molti dubbi sono stati eliminati da un gruppo, domande tipo: "Come si toglie?","Può perdere sangue?", "come la devo inserire?" sono già state, nella teoria, eliminate... al prossimo mese per la pratica.

Dopo pochissimi giorni dal mio ordine eccola che arriva, sono stati velocissimi a consegnare e la curiosità mista a eccitazione ha preso il sopravvento nell'aprire il pacco.
La frenesia di utilizzarla si contrappone al razionale pensiero dell'acquisto di strumenti idonei al suo sterilizzo: un pentolino dedicato interamente a lei.
Nelle pagine leggo che c'è chi ha acquistato uno sterilizzatore e chi un contenitore per inserirla nel microonde ma io preferisco rimanere sul tradizionale, ho così acquistato un pentolino in ceramica grande come una tazza da caffèlatte per la sua bollitura.
L'ho provata senza mestruo, ho letto che la cervice è differente durante le fasi del ciclo e che è bene tenerla pulita immergendola in aceto o acqua ossigenata (aggiungendo anche bicarbonato e limone) per tenere lontani i cattivi odori.
ho chiuso il diametro a Tulipano e... via!!!
Sembra semplice, pare che il sottovuoto regge e che nulla esce.. meglio però una verifica maggiore quando il liquido sarà rosso e si vedrà maggiormente.

Sensazione? sembra di non avere nulla...
Solo il primo giorno effettivo mi rendo conto che la prova fatta non è servita, la fisionomia femminile è differente in "quei giorni" così faccio fatica a capire il mecccanismo e due volte perdo un poco di liquido nell'assorbente inserito per precauzione.
Intestardita e decisa a non perdere motivazione ed entusiasmo, sono andata su You tube dove una ginecologa ha ben illustrato come inserirla, come verificare se è correttamente posizionata e ha ricordato che il fastidioso gambetto si può eliminare in caso di fastidio.
Dopo questo video i giorni si sono susseguiti senza intoppi e complicazioni con la piacevole sensazione di non avere nulla e acquisendo una maggior sicurezza nei successivi inserimenti.

Nessun commento: