sabato 8 maggio 2021

Riflessioni sulla vita

Il coraggio è fatto di Paura, disse Oriana Fallaci, beh si... confermo, lo confermo come la frase del film: "Il cuore di una donna è un'immenso oceano di segreti" bene... si... di alcune donne è così.
Punto.
E ora che il tranello è fatto non ci resta che osservarne gli sviluppi nella tumultuosa quiete del mio cuore ancora in subbuglio.
Per distrarmi son finalmente tornata al cinema dopo lunghi mesi di triste agonia (triste solo perché non ho visto l'unico film che volevo vedere ma prima o poi uscirà dal sigillante possesso di Netflix e comparirà in qualche grande schermo (sperando estivo)) Il film? "Minari" candidato a sei Oscar... non è esilarante, non è un "bel film"  ma tratta dei temi di valore, chissà se mai vincerà? Chissà come scelgono i film da oscar questi distributori di statuette hollywoodiane? 
Son tornata a un punto di quasi noia, come se il mese di Aprile mi avesse caricato di antiche motivazioni date non solo dal "Dover fare" ma, soprattutto, da quella scintilla di scoperta di un mondo fuori dal tempo. La consapevolezza di ciò che stava per accadere (nel breve o nel lungo tempo) in associazione all'individuazione di una coscienza lucida nella persona assistita. 
Il dubbio del fatto che lui sapeva di compiere determinate azioni (stile il vaccino Covid che ha voluto fare) per accellerare il termine della sofferenza fisica e la rassegnazione del fatto che lui era libero di scegliere ciò che meglio credeva giusto per se stesso, sempre cosciente, fino al giorno del ricovero e, forse, fino al giorno precedente, ma non ne ho certezza. 

Nessun commento: