Diventa un mio compagno di Blog!!

Translate

Cerca nel blog

domenica 3 febbraio 2019

Viaggiando con 5 minuti di ritardo - Capitolo 4 - Superare le influenze stagionali.


 Due giorni in casa a causa di una continua e sonora tosse che pervade i miei bronchi come un concerto di tamburi di tibù sconosciute, fortunatamente ho la musica che mi rafforza lo spirito e mi rinvigorisce l'animo... due giorni consecutivi, una tortura dovuta un poco alla stagione, un poso al mio "lavoretto" davanti alle scuole.
Di prima mattina, per un ora, in attesa dei ragazzi in ingresso alle scuole elementari. E dire che quest'anno son stata anche fortunata, il freddo non è stato eccessivo e la pioggia non si è vista per tutta la durata del progetto.
Purtroppo i miei bronchi, già dopo il terzo giorno, si son riempiti di tosse e muco e penso che per un po non avrò pace...
Cosa utilizzare per questi malesseri che non portano febbre ma solo fastidiosi starnuti accompagnati da sonori boati?
Premesso che non ho affatto intenzione di trasformare codesto articolo in un capitolo di medicina ma, semplicemente, voglio immortalare metodi sani che possono limitare l'assunzione di farmaci o aiutare il loro effetto.
Nonostante non sia invasa da febbre le mie ossa sono simili a quelle di una novantenne con il parkinson, la tosse avvolge la mia catarrosa cassa toracica e il minestrone mi tiene compagnia.
Coccolata per due giorni tra le calde e soffici lenzuola in attesa di una tregua che è giunta dopo le mie incessanti cure.


OK!!!
La cipolla in agrodolce non è un farmaco....
Il riso stracolmo di formaggio dalla consistenza liquida, brodosa e fumante di calore non è mai stata prescritta da alcun medico.
L'antico e insormontabile VICKS è stato sostituito da un commestibile olio essenziale all'eucalipto e il miele fa da padrone in queste fredde giornate.
Come un bradipo mi muovo in casa cercando di far qualcosa per evitare l'emicrania da cuscino. ComeMaga Magò ha il suo magico pentolone per le pozioni, io mi impossesso della fagioliera in coccio ed inizio a preparare gli ingredienti.
Quattordici verdure, carne e croste di formaggio e.. via.... il mestolo è entrato in mio possesso...
Dopo due ore e una "Frullata" a tutto il contenuto ecco portare in freezer dieci futuri pasti, solo due son rimasti per riscaldare i miei bronchi per queste due giornate di forzato riposo.
Ma non riesco a star ferma...
Con la febbre sarei sicuramente colassata tra il materasso e le lenzuola senza dar peso al certo mal di testa da cuscino....Ma ora no...
Intenta a pensare al mio prossimo viaggio, al lavoro mattutino che ancora mi attende e al sito che mi sto organizzando... quando hai per la testa tutte queste cose come fai ad ammalarti?









Nessun commento: